www.leonardo.it
telemeditalia
Anno XII - Edizione 9 - dicembre 2016
 

I benefici della musica

Raffaele Bernardini

I medici, in alcune aree patologiche, dovrebbero valutare e considerare con attenzione il ruolo e gli efficaci benefici della musica e di certi suoni nei pazienti. Soprattutto in soggetti cardiopatici, affetti da aritmie, ipertensione,ed in pazienti con forme ansiogene, attacchi di panico, ansia generalizzata, disturbi neuropsichiatrici.

Certamente vanno identificate e selezionate le forme psicopatologiche e funzionali che possono ottenere i suddetti benefici e certamente questi possono avere incidenze positivi sulla sintomatologia ed alleviarla.
Occorre però selezionare anche la musica ed i suoni che si debbono inserire nel percorso terapeutico, in quanto si deve trattare di musica e suoni rilassanti, meditati in modo che il paziente venga “attratto” dalla qualità e dalla natura della musica. E quindi bisogna trovare programmi “specializzati” nelle attività di Musicoterapia.

I risultati sono valutati positivamente e spesso si riducono perfino la somministrazione ed il dosaggio dei farmaci La musica ed i suoni debbono essere ascoltati con attenzione profonda in un determinato spazio e periodo di tempo.

Si tratta quindi di praticare la “musica per la salute”, di ascoltarla… di “pensarla” dopo che la si ascolta. Ne consegue un grande benessere. 


Redazione

TELEMEDITALIA - Giornale mensile on-line Direzione, Redazione, Amministrazione: via Clemente IX,8 – 00167 Roma Tel. e Fax : 06/6279225
www.telemeditalia.it
direttoretelemed@gmail.com

Comitato di Direzione
Coordinamento Redazionale
  • Area Medica: Dott.ssa Valentina Lupi
  • Pagina Facebook: Antonella Ronzulli
  • Rapporti con le Istituzioni e con le Aziende:
    Raffaele Bernardini

paginemediche.it Network
Testata registrata presso il Trib. di Roma nr. 471/2006 del 13/12/2006 © 2009 Telemeditalia.it - All rights reserved.